VISUALIZZA NOTIZIA

[CHIUDI E TORNA INDIETRO]          [STAMPA]

BANDO DI CONCORSO PER IL SOSTEGNO ECONOMICO ORDINARIO ALLE FAMIGLIE - ANNO 2016

 Notizia 
2016-01-16

Per l’anno 2016 la Compagnia conferma il programma di Sostegno Economico Ordinario alle famiglie della comunità di riferimento che dovessero trovarsi in situazioni di difficoltà. Come negli anni precedenti, ciò si accompagnerà ad altri interventi solidali per i quali si rimanda a comunicazioni specifiche.

 

Per il suddetto:

 

SOSTEGNO ECONOMICO ORDINARIO ALLE FAMIGLIE

 

viene indetto il seguente

 

BANDO DI CONCORSO

 

Le famiglie che in base alle condizioni stabilite nel presente Bando (art. 1 e 5) riterranno di poter accedere ai sussidi predisposti potranno avanzare domanda corredata dalla presentazione dell’indicatore ISEE e da un’autocertificazione secondo lo schema in uso presso gli Enti Pubblici e già attuato dalla Compagnia fin dalla costituzione nel 2012. In proposito si introdurranno gli adeguamenti resi necessari dalla nuova normativa ISEE varata nel 2015. Sarà formata una graduatoria con criteri analoghi a quelli già sperimentati e nel seguito del Bando precisati, e nel corso del 2016 saranno erogate le risorse disponibili. Se possibile, l’intento è quello di assegnare un contributo a tutte le famiglie aventi diritto, commisurandolo in base alla graduatoria formata con i criteri stabiliti nel seguito.

 

Art. 1 – La Compagnia di Pier Pettinaio indice bando di concorso per l’assegnazione di contributi alle famiglie da erogarsi nel corso dell’anno 2016 per una somma complessiva di € 5.000 da suddividere in due tranches di € 2.500 ciascuna, con un massimo annuo di € 2.500 per ogni famiglia avente diritto. Le somme da erogare potranno essere variate in più o in meno dandone tempestiva comunicazione, in relazione alle esigenze che emergeranno dalla comunità di riferimento e alle disponibilità realmente conseguite nel corso dell’anno dalla Compagnia.

Possono partecipare le famiglie di cui almeno un membro sia iscritto all’Albo dei Protettori della Contrada Priora della Civetta almeno dal 2012. Se gli unici iscritti sono nati dopo il 31 Dicembre 2005 (bambini di età inferiore a 11 anni) è sufficiente che almeno uno sia iscritto all’Albo almeno dal 2014.

 

Art. 2 - La Commissione Giudicatrice è costituita dai seguenti cinque membri del Direttivo attualmente in carica per la Compagnia: Tommaso Cortonesi (Vice Presidente della Compagnia), Carlo Agricoli, Mauro Lorenzetti, Davide Papi, Raffaella Stirpe. La Commissione, su preciso mandato del Direttivo, persegue la massima trasparenza sul suo operato, unitamente al massimo della riservatezza.

 

Art. 3 - Le domande dovranno pervenire alla Commissione Giudicatrice o alla Sede della Compagnia, in via Cecco Angiolieri n° 16 (Galleria), entro il 31 Marzo 2016 per la prima sessione di raccolta ed entro il 31 Agosto 2016 per la seconda. Le domande saranno comunque accolte anche successivamente a quest’ultima data, allo scopo di poter valutare, se del caso, specifiche azioni al di fuori del presente bando.

 

Art. 4 - La domanda dovrà essere corredata da:

  1. generalità del capofamiglia e altre notizie a titolo informativo, secondo lo schema predisposto;
  2. certificazione ISEE del nucleo familiare non scaduta (rilasciata gratuitamente dai vari CAAF, dall’INPS o da altri Enti autorizzati ed avente validità 12 mesi). La certificazione da produrre è di norma quella denominata ISEE Modello Mini, secondo quanto disposto dalla nuova normativa ISEE 2015. Ove ricorrano situazioni particolari sarà da concordare altro tipo di ISEE fra quelli previsti. Le famiglie che già avessero presentato tale certificazione scadente dopo il 15 Marzo 2016 possono a questa richiamarsi evitando la ripresentazione. Poiché la validità del Bando si estende all’intero 2016 vi è però la necessità che a ognuna delle due fasi di erogazione dei contributi la Commissione Giudicatrice disponga della situazione più aggiornata possibile. A tale scopo la certificazione ISEE, oltre che alla data di scadenza, dovrà essere rinnovata nei seguenti casi:
  • entro il 31 Agosto 2016 qualora siano intervenuti significativi miglioramenti della situazione familiare. A tale scopo si procederà alla richiesta agli Enti di cui sopra dell’ISEE Corrente, introdotto dalla nuova normativa ISEE 2015;
  • a richiesta della Compagnia.

Ciò a pena di sospensione dalla graduatoria fino alla nuova presentazione.

  1. ogni altra notizia relativa al nucleo familiare utile per la valutazione della situazione economica, familiare, sociale, sanitaria e d’invalidità. Per la raccolta di tali dati si utilizzerà uno schema di autocertificazione per la cui compilazione sarà fornita assistenza. I dati economici richiesti sono quelli riferiti al 2015, forniti per intero o in termini di variazione rispetto alla situazione 2014 che è quella cui si riferisce per gran parte dei dati la certificazione ISEE ordinaria, secondo quanto attuato con la riforma 2015. Per le altre notizie di norma si farà riferimento alla data di presentazione. Per i motivi sopra esposti anche l’autocertificazione dovrà essere rinnovata unitamente all’eventuale nuova certificazione ISEE secondo la suddetta modalità dell’ISEE Corrente, di cui al punto precedente. In tal caso decadrà la necessità di introdurre variazioni, salvo le poste non comprese nell’ISEE richieste ai fini del ricalcolo di cui nel seguito.
  2. ogni altro allegato obbligatorio indicato in calce all’Autocertificazione.

 

Art. 5 - Per la partecipazione il nucleo familiare deve avere indicatore ISEE (ricalcolato nel modo sotto specificato) non superiore a 14.000. Saranno pertanto accettate domande anche con ISEE superiore (indicativamente, ma non tassativamente fino a 18.000), in quanto la Commissione Giudicatrice ricalcolerà l’indicatore sulla base di altri introiti e spese, nonché delle variazioni intervenute fino al 31 Dicembre dell’anno precedente rispetto all’ISEE prodotto e dichiarati nella sezione C) dell’autocertificazione fornita. Potranno anche essere quantificate autonomamente situazioni economiche accertate o accertabili, seppure non presenti nella suddetta autocertificazione. Le variazioni intervenute nell’anno in corso che saranno anch’esse richieste non verranno inserite nel ricalcolo, ma saranno valutate nell’ambito del punteggio integrativo di cui nel seguito.

La Commissione Giudicatrice, previo colloquio con la famiglia, si riserva inoltre di non accettare la domanda ove, a suo insindacabile giudizio, siano emersi elementi non in linea con la finalità di sostegno perseguita dalla Compagnia e dal presente Bando.

 

Art. 6 – Entro il 30 Aprile 2016 la Commissione procederà alla formulazione della graduatoria, con esclusione delle domande sospese per i motivi indicati in precedenza, attribuendo i seguenti punteggi:

  1. reddito familiare: da 0 a 50 punti, da computarsi proporzionalmente all’indicatore ISEE ricalcolato. (da 0 punti per il parametro 14.000 fino a 50 per il parametro 5.000 o inferiore);
  2. valutazioni integrative: da 0 a 50 punti, a suo insindacabile giudizio, in base agli altri parametri attestanti cause di disagio familiare, economico, sociale, sanitario e di invalidità, sulla base delle notizie fornite con l’autocertificazione di cui al punto 3 dell’art. 4;
  3. valutazioni sottrattive: da 0 a meno 43 punti, a suo insindacabile giudizio, in base a parametri attestanti situazioni di vantaggio rilevate dalla medesima autocertificazione di cui al punto precedente.

Il punteggio totale è calcolato fino al terzo decimale, arrotondato per difetto.

L’elenco dei parametri presi in considerazione per le valutazioni integrative e sottrattive di cui ai precedenti punti 2 e 3 e i punteggi massimi previsti per le varie situazioni, risulta dallo schema di autocertificazione utilizzato per la raccolta dei dati e sarà quindi reso pubblicamente noto unitamente al presente bando.

 

L’assegnazione avverrà con i seguenti criteri:

  1. attribuzione a ciascuna famiglia del contributo minimo eventualmente stabilito dal Consiglio Direttivo sulla base delle risorse disponibili;
  2. suddivisione del plafond residuo fra tutte le famiglie in graduatoria in modo proporzionale al punteggio di ciascuna;
  3. eventuale riduzione del contributo per la parte che dovesse eccedere il limite massimo annuo di € 2.500 stabilito per ciascuna famiglia e redistribuzione delle risorse in tal modo liberatesi fra le altre famiglie, sempre in modo proporzionale al punteggio.

 

Entro il 30 Novembre 2016 la Commissione procederà alla formulazione della nuova graduatoria includendovi tutte le domande pervenute, sia entro il primo che entro il secondo dei due termini sopra indicati, con esclusione delle domande sospese per i motivi di mancato aggiornamento della dichiarazione indicati in precedenza. Le famiglie che avessero già partecipato alla prima assegnazione saranno automaticamente inserite, a meno che non manifestino volontà contraria, senza necessità di ripresentare la domanda. Dovranno però presentare la documentazione variata, nuova o da integrare. In particolare, ove il nucleo familiare sia tenuto alla denuncia dei redditi, dovrà quindi essere fornita la dichiarazione relativa al 2015 effettuata nel 2016 e/o gli altri documenti indicati nell’autocertificazione per l’accertamento dei redditi. Per l’assegnazione si opererà in modo identico a quanto sopra specificato.

 

Art. 7 – Tutti i documenti forniti saranno visionati esclusivamente all’interno della Commissione Giudicatrice e sottoposti alla massima riservatezza. Nessun dato a carattere personale sarà reso pubblico, ivi compreso la graduatoria, i nomi dei partecipanti e degli assegnatari. A ciascuna famiglia verrà comunicata per iscritto l’intera graduatoria priva dei nominativi. Per la sua posizione sarà fornito il punteggio conseguito, specificando in dettaglio tutte le sue componenti.

La consegna dei contributi avverrà in forma privata.

 

Art. 8 Ove successivamente all’erogazione dei contributi dovessero emergere significative discordanze rispetto a quanto dichiarato, ferme restando le sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000, il richiedente dichiarante decade dai benefici eventualmente conseguiti sulla base delle dichiarazioni non veritiere. La Compagnia si riserva pertanto il diritto di richiedere il rimborso dell’eventuale quota parte di contributo indebitamente erogata.

 

Siena, 16 Gennaio 2016

ALLEGATI:

Modulo per la domanda di accesso al sostegno economico        [Clicca qui per aprire/scaricare l'allegato]

Modulo per l'Autocertificazione        [Clicca qui per aprire/scaricare l'allegato]


[CHIUDI E TORNA INDIETRO]          [STAMPA]